0 0
Read Time:1 Minute, 39 Second

Nursing UP Lazio attacca FNOPI: può un Tecnico di Radiologia Medica promuove l’appropriatezza dei bisogni assistenziali o commette abuso di professione?

Egr. Direttore di AssoCareNews.it,

Oltre due anni fa abbiamo segnalato all’OPI di Viterbo un possibile abuso della professione infermieristica da parte di un Tecnico Sanitario di Radiologia Medica incaricato di “Promuove il miglioramento continuo della qualità attraverso l’appropriatezza delle prestazioni in risposta ai bisogni assistenziali”.

Tale obiettivo, indicato tra quelli previsti per la P.O. “Qualità” ed espressamente riportato nel bando (pag. 69 della deliberazione ASLVT n. 521/2016, punto 3), a nostro avviso rientra tra quelli previsti dal Decreto Ministeriale n. 739/1994 che lo rendono di competenza esclusiva dell’Infermiere nella piena espressione del processo di nursing.
Peraltro, il Tecnico in questione non possiede la qualifica richiesta e l’iscrizione all’albo dei facilitatori della qualità, come richiesto dalla normativa in materia di qualità e accreditamento in vigore nella Regione Lazio.

Al nostro quesito, dopo svariati mesi l’OPI di Viterbo rispondeva che la questione non era di sua competenza (sic) e a nulla è valso il coinvolgimento di FNOPI, informata fin dall’inizio della vicenda. Il Tecnico di Radiologia ha continuato fino ad oggi a “valutare l’appropriatezza delle prestazioni infermieristiche in risposta ai bisogni assistenziali”.

Essendo trascorsi ben oltre due anni dalla prima segnalazione di possibile abuso di professione, tramite il nostro ufficio legale abbiamo chiesto nuovamente a FNOPI di assumersi la responsabilità di garante della professione infermieristica sostituendosi all’OPI di Viterbo, nell’esprimere un giudizio in merito alla questione. È trascorso più di un mese senza vi sia stata risposta.

Risponderà FNOPI?

Come sindacato infermieristico siamo qui ad attendere fiduciosi una risposta chiara e netta che consenta una risoluzione della questione e renda giustizia agli infermieri.

Laura Rita Santoro
Responsabile Nursing Up Lazio

L’articolo Il TSRM non è un Infermiere e non è neppure un Medico. Per cui non può promuovere appropriatezza bisogno assistenziali. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %